Braglia: Sento il peso di dover fare risultato, ma io lavoro per il bene del Cosenza
 
a cura della Redazione
 

Piero Braglia è tornato in sala stampa per presentare la gara con la Salernitana e, stimolato dalle domande, fare qualche considerazione sullo stato del Cosenza, visto che oramai la sua è l’unica voce e faccia che la Società mette in campo.

Sul momento della squadra in vista del prossimo impegno queste le sue considerazioni:

“La squadra sta bene, è una situazione difficile aggravata dalla sconfitta nel derby. Non attacchiamoci più all’episodio del gol fantasma. Sono convinto che giocheremo una grande partita, l’ho sempre detto delle mie convinzioni. Sono fiducioso; vedremo un Cosenza all’altezza, che cercherà di vincere la gara con grande personalità. È un gruppo compatto, che lavora molto bene. È ovvio che chi rimane fuori non è contento ma questo fa parte del gioco. L’unica preoccupazione è che anche quando fai bene non riesci a vincere le gare. Le prestazioni ci sono sempre state. Non ci basterà giocare per il pareggio per cui cercheremo di fare bottino pieno”.

Uno dei problemi maggiori della squadra rossoblù è quella di essere incapace di concretizzare il volume di gioco prodotto. Un difetto che il tecnico toscano spiega così:

“Il problema è che il Cosenza accompagna poco l’azione. Quando mettiamo dentro la palla c’è sempre e solo Rivière, con al massimo un altro. Gli altri quando attaccano mettono quattro o cinque giocatori in area. Dobbiamo anche violentare le nostre caratteristiche, perché c’è qualcuno a cui piace saltare l’uomo, giocare la palla e poi non attacca l’area. Dobbiamo capire questo, che bisogna aiutare Rivière, portargli via l’uomo. Sennò così per gli altri è più facile, hanno un punto di riferimento, gli altri arrivano poco. Vediamo se abbiamo imparato la lezione, se siamo all’altezza della situazione”.

Le giornate passano ma il Cosenza non migliora la sua posizione in classifica, un peso che il tecnico sente e conosce molto bene:

“Lo sento in tutte le gare il peso di dover fare risultato – prosegue Braglia -. Io lavoro per il Cosenza, sono tre anni che sono qui. Non è facile per me vedermi dove sono adesso e trovarmi in questa situazione. Io non sono innamorato di niente e nessuno e tanto meno dei moduli, conta l’atteggiamento. Di fronte a certe problematiche bisogna andare a risolvere, perché altrimenti vai a fondo, e io non ci voglio andare”.

Al termine della gara con il Crotone, Braglia ha lanciato una frecciatina ai giocatori distratti dalle sirene del mercato. Bersaglio individuato da tutti è stato quello di Pierini. Il tecnico silano si spiega così:

“Io ci ho parlato diverse volte con Pierini. Lui forse aveva delle aspettative diverse, pensava di giocare di più. Ora gli è capitata un’occasione, dove avrebbe piacere di andare. Gli abbiamo detto che se lui esce, deve venire un giocatore di pari valore, altrimenti non si muove. Nessuno lo ha scaricato. Noi non lo vogliamo cedere, né io né Trinchera o Guarascio, che non ne vuol sentir parlare tra le altre cose. Quando ha giocato Pierini ci ha sempre dato una mano, ha fatto tre gol. Poi se il ragazzo ha particolari esigenze vedremo. Se arriva un giocatore altrettanto importante, bene. Ma per noi resta qui. Non regaliamo giocatori buoni”.

Schiavi continua ad essere un oggetto misterioso :

“È stato sei mesi fuori, si allena con una certa continuità, ha fatto una partita amichevole, ha bisogno di giocare, mettere minuti nelle gambe. Vorrei vederlo di più in qualche amichevole, gli faremo fare altri 90 minuti. Ho rispetto per il giocatore, ma ho bisogno di vederlo giocare prima di schierarlo contro Crotone, Salernitana, eccetera. Se ci può dare una mano ce lo dirà in campo. Non è che non ho fiducia in lui, ma vorrei vederlo di più in qualche amichevole. Speriamo di organizzarne altre la prossima settimana e poi verrà preso in considerazione come tutte”.

Infine due parole sulle condizioni di Baez:

“Si è allenato negli ultimi due giorni, non sta benissimo, è vero. C’è qualcun altro con piccoli fastidi ma saranno convocati e poi vedremo il da farsi. Abbiamo ancora più di un giorno per vedere la situazione”.


 

L'ANALISI DEI NUMERI

IL COSENZA IN CAMPIONATO

 PARTITE GIOCATE
  2 8 8  1
 PARTITE VINTE   1 0 8 1
 PARTITE PAREGGIATE   0 9 0 7
 PARTITE PERSE   0 8 9 3
 RETI FATTE
  3 3 2 4
 RETI SUBITE   3 0 3 3
 

DALL'ARCHIVIO FOTOGRAFICO

  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina

MERCATO

MERCATO INVERNALE SERIE B

NOTIZIE DA ... VENEZIA

Bandiera Venezia

PROSSIMO TURNO

Venezia logo Cosenza logo
VENEZIA COSENZA

Venerdì 29 febbraio 2020 - ore 15:00
Serie B - 26giornata

ULTIMO TURNO

Cosenza logo

0 - 2

Frosinone logo

COSENZA
  FROSINONE

Venerdì 21 febbraio 2020 - ore 21:00
Serie B - 25a giornata

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA