Il punto al campionato
 
a cura di Roberto Stancati
 

Benevento e le altre. Dopo 14 giornate il campionato sembra avere emesso già il suo primo verdetto; i sanniti di Pippo Inzaghi si candidano con autorità per il primo posto e questo al momento assume i crismi della certezza. I campani, tipico modello di squadra da serie B pratica e dalla difesa fortissima, ha vinto con disinvoltura a Venezia allungando decisamente. Alle spalle del Benevento il torneo denota una grande mischia se è vero come è vero che dalle seconde all'ultima in classifica il distacco è di soli 11 punti che consente anche a chi è in difficoltà, come nella migliore tradizione della cadetteria, ad ambire a posizioni importanti senza scandalizzarsi più di tanto. Scorrendo la graduatoria troviamo un quartetto ad inseguire, si fa per dire, a ben nove punti la lepre giallorossa: Crotone e Cittadella si sono divise la posta in Calabria con qualche recriminazione per i pitagorici che hanno sprecato molto e sono stati raggiunti al tramonto della partita; il Perugia in modo brillante e trascinato dal capocannoniere Iemmello supera un Pescara sbiadito; gli umbri in gran forma possono replicare (noi ovviamente speriamo di no) nel posticipo di lunedì prossimo ospitando il Cosenza. Queste tre squadre affiancano il Pordenone sconfitto a Pisa dai toscani che trovano ancora una volta in Marconi il match winner. Il quartetto è tallonato da Ascoli e Chievo; i marchigiani ottengono un buon pari a Salerno contro i granata di Ventura sempre più oggetti misteriosi di questo campionato. I clivensi dopo una pessima prestazione perdono meritatamente a Trapani contro una squadra in ripresa e che appare rigenerata dal recupero di Evacuo e dall'ingresso di Biabiany. In zona neutra, detto di Salernitana, Pisa e Pescara, navigano in netta ripresa Entella e Frosinone che hanno regolato Juve Stabia ed Empoli; i ciociari hanno travolto i toscani in piena crisi, con la cura Muzzi che al momento non si vede. Siamo giunti alla zona calda che comprende quelle compagini che pur non giocando male (vedi Cosenza e Spezia) si trovano in ritardo. Detto dello Stabia che fuori dal “Menti” non si ritrova, ottiene un buon punto lo Spezia a Cosenza contro gli uomini di Braglia che avrebbero meritato di più come diremo a parte; delle altre, Venezia e Cremonese sempre in affanno e Livorno che pareggia proprio a Cremona prendendo il classico brodino. Comunque tutto in gioco e tutti in gioco. Prossimo turno che si apre e si chiude con due testacoda: Benevento-Trapani e Perugia- Cosenza. Tra le altre da seguire Pordenone-Crotone e Spezia-Livorno.

Il Cosenza

L'ennesima rimonta subita, L'ennesima ingenuità ed i silani buttano al vento una preziosissima vittoria. Non può essere più un caso se tutto questo si verifica puntualmente. Occorre maggiore concentrazione e qualche fallo in più per arrivare in fondo e dare concretezza ai risultati. La squadra paga un mercato a più riprese, infortuni in serie che hanno impedito amalgama e affiatamento e anche degli errori arbitrali che hanno condizionato i ragazzi di Braglia. La posizione di classifica preoccupa ma l'impressione è che basti poco per risalire la china e scacciare i fantasmi. Bisogna far presto affidandosi Al valore aggiunto Braglia che raramente ha steccato i gironi di ritorno.


 

L'ANALISI DEI NUMERI

IL COSENZA IN CAMPIONATO

 PARTITE GIOCATE
  2 8 7  7
 PARTITE VINTE   1 0 8 0
 PARTITE PAREGGIATE   0 9 0 7
 PARTITE PERSE   0 8 9 0
 RETI FATTE
  3 3 2 0
 RETI SUBITE   3 0 2 8
 

DALL'ARCHIVIO FOTOGRAFICO

  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina

MERCATO

MERCATO INVERNALE SERIE B

NOTIZIE DA ... SALERNO

Bandiera Salernitana

PROSSIMO TURNO

Salernitana logo Cosenza logo
SALERNITANA COSENZA

Sabato 25 gennaio 2020 - ore 18:00
Serie B - 21giornata

ULTIMO TURNO

Cosenza logo

0 - 1

Crotone logo

COSENZA
  CROTONE

Lunedì 20 gennaio 2020 - ore 21:00
Serie B - 21a giornata

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA