63 64
 
a cura di Riccardo Tucci
 

Sarà la quarta volta che il Cosenza gioca una gara di campionato il 29 dicembre. I tre precedenti sono sconfortanti: due sconfitte nelle stagioni 29-30 contro la Reggina e nel 1940-41 contro il Siracusa ed un unico pareggio, casalingo, contro il Lecco nel campionato 63-64. Un mese fa abbiamo raccontato del successo sul Como nel 61-62, oggi “accadde il …” ci porta ancora in serie B, ma nella stagione 63-64 per raccontare il pareggio contro il Lecco. Il Cosenza si dibatte nei bassifondi della classifica, il Lecco è a due punti dalla capolista Cagliari. E’ il Lecco del portierone Maraviglia e del bomber Clerici che poi farà carriera nel Napoli nella massima serie. Il Cosenza, dal canto suo, reduce dalla sconfitta casalinga subita dall’Alessandria è di fresco esonero dell’allenatore Todeschini (corsi e ricorsi storici); lunedì 23 dicembre, sulla panchina del Cosenza viene assunto Gianmarco Mezzadri, nato a Mantova il 23 gennaio 1923, proveniente dal Bellinzona, squadra militante nella serie B del campionato Svizzero. Il tecnico viene preferito a Enzo Dolfin, dopo il rifiuto ricevuto da Vittorio Malagoli; tra l’altro Mezzadri, ex calciatore del Bologna, è stato il tecnico delle formazioni giovanili proprio del Lecco. Contestualmente, l’avvocato Ernesto Corigliano viene nominato componente della Commissione di Organizzazione della F.I.G.C.. La partita, che si gioca dinanzi a circa 9.000 spettatori, è inserita nella schedina del Totocalcio; è una giornata di splendido sole. Il Cosenza si presenta alla sfida privo di bel quattro titolari, il portiere Ravera, il capitano Orlando e poi Calzolari e Baston. Nonostante le assenze la squadra bruzia impensierisce non poco i lombardi con azioni insistenti e ben organizzate, ma il Lecco è squadra coriacea che si difende bene, al 40' viene anche annullato un gol a Gualtieri per un discutibile fallo di Campanini ai danni di Pasinato. Alla fine ne verrà fuori un pareggio a reti bianche. I “lupi”, pur esprimendo un gioco di buon livello, non riescono a dare incisività alle proprie manovre per avere ragione di un coriaceo Lecco. Il campionato avrà un epilogo disastroso, il Cosenza si siederà all’ultimo posto della classifica con 26 punti, ed insieme ad Udinese e Prato retrocede in serie C dove rimarrà con alterne fortune fino all’arrivo di Gianni di Marzio, ma questa è un’altra storia.


 

L'ANALISI DEI NUMERI

IL COSENZA IN CAMPIONATO

 PARTITE GIOCATE
  2 8 6  2
 PARTITE VINTE   1 0 7 7
 PARTITE PAREGGIATE   0 9 0 0
 PARTITE PERSE   0 8 8 4
 RETI FATTE
  3 3 0 2
 RETI SUBITE *   3 0 0 9
 * 3 reti a tavolino;

DALL'ARCHIVIO FOTOGRAFICO

  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina

MERCATO

MERCATO ESTIVO SERIE B

NOTIZIE DA ... BENEVENTO

Bandiera Benevento

PROSSIMO TURNO

Benevento logo Cosenza logo
BENEVENTO COSENZA

Sabato 21 settembre 2019 - ore 15:00
Serie B - 4giornata

ULTIMO TURNO

Cosenza logo

1 - 2

Salernitana logo

COSENZA
  PESCARA

Domenica 15 settembre  2019 - ore 15:00
Serie B - 3a giornata

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA