Cosenza: più che giore c'è da programmare
 
a cura di Eliseno Sposato
 

Dopo 65 giorni di assoluto silenzio il Cosenza Calcio torna a “parlare” attraverso un comunicato ufficiale in cui annuncia la domanda d’iscrizione al prossimo campionato di Serie B al posto del Chievo Verona la cui analoga domanda è stata respinta dal Consiglio Federale stante i problemi amministrativi riscontrati dalla Covisoc che ha ritenuto insufficiente la documentazione presentata dalla Società del presidente Campedelli.

Il Cosenza ci fa sapere di essersi fatto trovare pronto all’eventualità di un ripescaggio e verrebbe da dire che “ci mancava solo che non lo fosse”. Quindi per la seconda volta nel giro di un anno è sempre la Società clivense a determinare la permanenza in Serie B del Cosenza, dapprima con la rete di Garritano nell’ultima gara della stagione scorsa, ed oggi con l’enorme massa debitoria (44 milioni di euro iscritti a bilancio 2020) che rischia di cancellare per sempre la squadra del piccolo quartiere di Verona.

Ma è ancora presto per esultare visto che i “magheggi” nelle stanze del potere calcistico sono prassi quasi comune, anche se oggi i margini di salvezza per i veneti appaiono abbastanza risicati e la riammissione del Cosenza in B alquanto scontata, nonostante la FIGC abbia deciso di aspettare la determina del Consiglio di Garanzia del Coni di fine mese, cui è rivolto il ricorso del Chievo.

Ma c’è poco da stare allegri visto che per l’ennesima volta il Cosenza si presenta a questo avvio di stagione senza avere allestito una squadra che dovrebbe partire per il ritiro il 19 luglio con solo 5 calciatori in organico ed uno allenatore ancora sotto contratto ma che non sappiamo quanto sia gradito alla proprietà.

La verità è una sola: che Guarascio continua a non mostrare alcun rispetto nei confronti di una tifoseria che è stanca di farsi prendere per i fondelli e che lo ha sfiduciato da tempo, scendendo sul piede di guerra con una sacrosanta contestazione che non si cancella di certo con la riammissione in B.

Ancora una volta il presidente non cambia la sua strategia: programmazione inesistente e avvio di stagione in sordina con un solo obiettivo: sperare nell’ennesimo colpo di fortuna che possa far raggiungere ai lupi il traguardo della permanenza in Serie B, se tutto andrà come previsto.

La sensazione che si ha in queste ore è quella di un presidente e di una Società che hanno assunto il volto dell’avvoltoio che aspetta la morte della sua preda per pasteggiare allegramente. Una sensazione brutta che viene dall’immobilismo totale del Cosenza in questi due mesi in cui nulla, ma proprio nulla, è stato fatto per dar corso a quel rilancio tanto sbandierato nel comunicato post retrocessione. E ci pensate bene lo sgomento è ancora maggiore se pensiamo che la “lungimiranza” di Guarascio poteva essere sicura di quanto è accaduto in queste ore.

Ed allora sorge spontanea una domanda: perché non iniziare ad allestire una squadra degna di affrontare la Serie B o, nella peggiore delle ipotesi, una Serie C ad alti livelli? Domanda retorica e senza risposta ma che ha una sua logica nel modus operandi di Guarascio che in questi ultimi dieci anni ha sempre tirato a campare, vivendo alla giornata contando più sul fattore “culo” che su quello della programmazione. Difficile che cambi qualcosa perché oramai il giocattolo si è rotto, la tifoseria ed anche noi deputati a raccontare il quotidiano del Cosenza calcio, sappiamo bene con chi avremo a che fare e non basterà certo un ripescaggio in Serie B a restituire l’entusiasmo alle migliaia di cuori rossoblù vilipesi da chi vive il calcio come un hobby e non potrà mai capire cosa significa amare il Cosenza e cosa significhino i suoi successi sportivi, per il riscatto di una citta fiera ed indomita che non si schiererà mai dalla parte del “reuccio” di turno sia esso un sindaco o un presidente.

Ora aspettiamo i fatti e solo quelli giudicheremo


 

L'ANALISI DEI NUMERI

IL COSENZA IN CAMPIONATO

 PARTITE GIOCATE
  2 9 3 8
 PARTITE VINTE   1 0 9 6
 PARTITE PAREGGIATE   0 9 2 7
 PARTITE PERSE   0 9 1 6
 RETI FATTE
  3 3 8 4
 RETI SUBITE   3 1 1 0
 

DALL'ARCHIVIO FOTOGRAFICO

  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina
  • visita la pagina

MERCATO

Mercato Ball
MERCATO ESTIVO SERIE B 2021-22

PROSSIMO TURNO

Cosenza logo

COSENZA

Como logo

COMO

martedì 21 settembre 2021 - ore 20:30
Serie B - 5a giornata

ULTIMO TURNO

 Perugia logo 1 - 1

Cosenza logo

PERUGIA   COSENZA

Sabato 18 settembre 2021 - ore 14:00
Serie B - 4a giornata

NOTIZIE DA ... COMO

Bandiera Como

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA