Viali:”Che Cosenza! Noi ci crediamo”

Marco De Paola

Marco De Paola

Condividi su

Queste le parole rilasciate da mister Viali dopo la brillante vittoria contro il Parma, che porta ai lupi 3 punti fondamentali per la rincorsa alla salvezza.

Complimenti. Primi 45 minuti di grande calcio e di sicuro il miglior primo tempo della stagione. Si è sofferto nel secondo tempo contro il Parma dei grandi nomi. Dove si può migliorare?

“Onestamente se la squadra confermasse questa prestazione per le restanti partite firmerei con il sangue. Nelle scorse partite giocavamo anche bene, ma episodi ci hanno fatto perdere punti e posizioni di classifica. Oggi invece è la vittoria dell’anima. Sbagliava un compagno ne arrivava un altro, sbagliava il difensore e parava il portiere. Gli errori ci stanno, anche la prima in classifica sbaglia ma vince. Si è creato un bel clima e dubito che se fossimo stati quelli delle altre gare, rimanendo in 10 avremmo subito sicuramente goal. La fortuna si alimenta con gli atteggiamenti”.

Vittoria meritata e voglia di vincere che è stata determinante. La differenza la hanno fatta oltre che a Florenzi, i nuovi arrivati che coprono i buchi che abbiamo avuto. Serve un attaccante d’area?

“I nuovi hanno portato qualità e gestione di palla. Io credo nella salvezza e la nostra qualità è aumentata. Vorrei però martellare sulla prestazione di squadra, di gruppo. Dobbiamo rimanere concentrati sul fatto che non abbiamo fatto nulla. È un passettino contro una squadra forte. Dobbiamo migliorare negli ultimi venti metri essendo più determinati e determinanti. Una vittoria così può creare una grossa mentalità nella squadra”.

Grande spirito di gruppo. Oggi la squadra ha giocato per lei. Adesso la speranza è riaperta, ma serve continuità. Serve attaccante da doppia cifra?

“Hanno giocato per me tutte le gare. Oggi siamo riusciti a dimostrarlo. La società ed il direttore saranno sul pezzo fino a martedì sera”.

Oggi si è riusciti a sbloccare il risultato e poi a difenderlo bene. Ora serve dare continuità a questo atteggiamento.

“Si, tengo a dire che noi senza questo atteggiamento non possiamo partecipare. Quando è mancato siamo stati sempre puniti. La squadra deve esserne consapevole. Faremo anche delle brutte gare, ma se con questo atteggiamento porteremo anche punti a casa”.

La squadra è uscita spesso con sicurezza da difficili situazioni difensive. Complimenti per come sta gestendo questo momento difficile.

“Grazie. Io non ho somatizzato questo momento brutto. Io sogno di fare qualcosa di eccezionale e voglio che sia il sogno anche dei miei ragazzi. Noi lavoreremo e miglioreremo, vinceremo le partite con l’anima”.

L’atteggiamento della nostra squadra ha sfruttato anche le ripartenze. Questo dimostra una sua adattabilità rispetto alle situazioni a cui si va incontro.

“Molto dipende dall’avversario. Noi tendenzialmente quando abbiamo difeso bassi non siamo stati premiati perché posizionati ed in superiorità numerica abbiamo preso goal. Questo può darci sicurezza. Il Parma è una squadra molto qualitativa e ci sta che in determinate situazioni prende campo”.

Oggi squadra arrembante che pressava molto altra. Nelle prossime gare la squadra sarà sempre così aggressiva?

“Siamo stati più aggressivi in passato anche nelle metà campo avversarie. Oggi siamo stati intermedi, ma è quello che volevo. La cosa che si è vista oggi è che ognuno che avesse una palla frontale, la aggrediva. Poi i ragazzi si sono anche adattati. Marras ad esempio dal 35esimo si è defilato molto. Si sono adattati. In 10 con il 4-4-1 abbiamo mantenuto. Poi con Martino, che aveva gamba, abbiamo retto più agevolmente per ripartire”.

Marras ammonito per difendere un suo compagno. Mancava questo atteggiamento?

“Marras è un giocatore di qualità, con cazzimma e con tanta voglia di fare goal. Una squadra vincente deve avere queste caratteristiche”.

La squadra sente il clima difficile culminato con la prestazione di ieri? Cosa dice ai tifosi che oggi non erano sugli spalti?

“Noi ci sentiamo in difetto con i tifosi in termini di risultati. Noi abbiamo voglia di dare e non di chiedere. La dimostrazione di oggi è che la squadra ci crede e speriamo di riportarli allo stadio con queste prestazioni. Sarebbe il nostro desiderio. Dobbiamo riaccendere l’entusiasmo”.

Ingenuità di Cortinovis, ma oggi sono usciti tutti stremati.

“Tutte cose risolvibili. Florenzi ha avvertito un dolore al collaterale ma non dovrebbe essere nulla di grave”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI POST SU X