Viali:”Deluso per il risultato. Il pubblico? Ci avrebbe dato una grossa mano…”

Marco De Paola

Marco De Paola

Condividi su

Queste le parole di mister Viali al termine della gara contro il SudTirol, terminata con il classico risultato ad occhiali, ma con il lupi che meritavano ampiamente la vittoria per la mole di gioco mostrata.

Come fa il Sudtirol ad essere terzo in classifica e come fa il Cosenza a non vincere questa gara?

“Il Sudtirol è terzo in classifica per i suoi meriti, ma oggi il Cosenza gli ha dato filo da torcere. Non so come non abbiamo vinto. È stato molto bravo il loro portiere. Siamo ultimi in classifica ed oggi dovevamo vincere. Abbiamo grande amaro in bocca anche per quanto i ragazzi hanno speso. Dobbiamo fare di più”.

Guardiamo le cose negative: non si riesce a fare goal (al di la del calcio di rigore). Oltre questo ci sono due gravi infortuni.

“Praszelik ha una lesione muscolare, me ne sono accorto alla prima palla che ha toccato. Zarate ha avuto una distorsione al ginocchio, può essere molto grave o meno. Il rigorista era Zarate, poi ce ne erano un paio tra cui Marras. Non è andata bene, ma è clamorosa la ribattuta su cui il portiere ha fatto una super parata”.

Un buon primo tempo, ma Cosenza in crescita. I risultati di oggi confermano che le altre fanno punti. Cosa serve al Cosenza?

“Serve una svolta. Dobbiamo fare punti ed abbiamo tempo e modo. La nostra arma deve essere il lavoro. Io credo fortemente in quello che stiamo facendo. Alla fine dei conti ognuno avrà i punti che si merita. Noi dobbiamo essere quelli di oggi sempre. Noi dobbiamo provare a vincere tutte le partite”.

Lei è soddisfatto della prestazione della gara, ma il problema è che la squadra non riesce a vincere. Serve qualcosa in più da parte sua?

“Io posso fare il massimo e lavorare. Portare la squadra in alcune dinamiche. Il SudTirol concede una palla goal a partita, noi ne abbiamo avuto tre. Oggi abbiamo fatto grandi cose, ma resta il fatto che non abbiamo vinto”.

Cosa ci dice sui cambi?

“Il cambio tra Voca e Calò era per aumentare il tasso offensivo. Dovevamo avere equilibrio. Mi sembrava la mossa più logica. Brescianini è uscito per dare maggiore linfa al centrocampo”.

Il Cosenza oggi meritava la vittoria. Ma alla fine della gara lei pensa che la squadra avrebbe potuto fare qualcosa di più?

“Non di più, ma meglio. Esistono gli avversari. Loro erano terzi in classifica. Per quante occasioni creiamo meritiamo sempre di più. Le altre squadre vincono con un tiro. Oggi anche l’aspetto fisico è stato buono. Oggi sono molto deluso perché non c’è logica tra quello fatto e quello che abbiamo portato a casa”.

SudTirol oggi peggiore gara della stagione?

“Può essere. Noi abbiamo preparato la gara così. Volevamo tanta densità senza subire ripartenze. Il SudTirol ha sbloccato sempre la gara su calcio da fermo”.

Si è rinunciato alla tattica di fare densità con la punta vertice. Oggi abbiamo giocato senza punte ma mettendo cross.

“Questo è stato merito loro. Ci hanno costretto. Creavamo molta densità. Eravamo sempre almeno in 6 avanti. Dal mercato abbiamo preso Delic, abbiamo Zilli, Finotto e Nasti. Sono tutti calciatori che possono fare la punta”.

L’assenza del pubblico è stata determinante?

“Assolutamente si. L’assenza del pubblico cambia, perché in quel momento in cui il SudTirol è alle corde, la squadra si accende con la spinta. Lo sanno anche gli avversari e questa cosa incide”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI POST SU X