Un mercoledì da leoni e leonesse

Eliseno Sposato

Eliseno Sposato

Condividi su

La data del 1° maggio 2024 entra a far parte della storia del Cosenza calcio, perché è stata una giornata particolare che ha sancito il raggiungimento di due obiettivi della Società rossoblù: la permanenza nel campionato di Serie B anche nella prossima stagione, e la promozione in Serie C della squadra femminile.
Quello di ieri è stato un vero e proprio mercoledì da leoni e leonesse, non perché si siano sostituiti gli animali simbolo che campeggiano sul logo del Cosenza, ma perché i giovanotti capitanati da William Viali hanno conseguito quel successo che si inseguiva dall’inizio della stagione e che rappresenta il nostro, seppur modesto, scudetto, e le ragazze guidate da Luisa Orlando hanno centrato, dopo solo un anno di purgatorio, la promozione alla categoria superiore, seppure comodamente sedute sul divano, complice la sconfitta della Ve Rende, nel turno che vedeva le Lupe osservare il turno di riposo.
Due successi sportivi che sono il frutto di tutti gli atleti scesi in campo in questa stagione, insieme agli staff tecnici che li hanno guidati, delle scelte tecniche operate dalla Società, e dell’amore del pubblico rossoblù che non è mai mancato, seppure con i dovuti alti e bassi in termini di presenze allo stadio e sui campi di tutta Italia.

La promozione delle ragazze in Serie C è frutto dell’amore per lo sport che l’allenatrice Luisa Orlando ha messo nel lavoro quotidiano sin da quando ha dovuto ricostruire la squadra dopo il ridimensionamento fisiologico avvenuto dopo la retrocessione dello scorso anno. La Coach ha saputo plasmare il gruppo di ragazze a sua disposizione portandole ad una cavalcata trionfale di gare sempre e solo vinte in cui, quando mancano tre gare alla fine, hanno segnato la bellezza di 101 reti subendone solo 4. Numeri che certificano una supremazia schiacciante sulle avversarie e che debbano indurre la Società ad investire maggiormente nel settore per consentire alle ragazze di crescere e continuare a coltivare questo bellissimo sogno.
Stessa cosa dicasi per William Viali che in poche settimane ha saputo rigenerare il gruppo squadra lavorando non solo sui concetti tecnico -tattici, quando sulla psicologia di un gruppo di calciatori che si era spento nell’ultimo periodo della guida tecnica di Fabio Caserta. Viali ha saputo trovare la chiave giusta per far tornare la squadra sui livelli di inizio stagione, giocando un buon calcio e affrontando ogni avversario senza alcun timore reverenziale.
A salvezza raggiunta è inutile recriminare su quello che la squadra avrebbe potuto ottenere se solo avesse avuto qualche battuta a vuoto di meno, o se lo stesso Viali avesse scelto di rimanere a Cosenza dopo la meravigliosa serata di Brescia. Inutile sognare di raggiungere i Play Off con solo due gare a disposizione e dopo i risultati di ieri, piuttosto occorre sedersi da subito al tavolo e lavorare in ottica futura: l’allenatore c’è già, un gruppo squadra solido anche, qualche rinnovo da sogno da fare per dare corpo a quei cambiamenti che speriamo avvengano ogni anno. Trovare subito un nuovo DS, anche ripartendo da Gemmi, che merita fiducia per il lavoro svolto e per avere fatto da parafulmine all’assenza del Patron. Cercare di trattenere. Tutino, dopo lo splendido campionato che ha fatto, non sarà per nulla facile, ma occorre tentare di farlo e costruire intorno a lui una squadra più forte di quella di quest’anno, mettendo finalmente in campo quella programmazione che sembra sempre una chimera a questo punto della stagione.
Quest’anno c’è un mese in più per programmare il futuro e sprecarlo sarebbe davvero l’ennesimo errore imperdonabile.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI POST SU X